3.824 di 5.000 firme

Il Commissario Europeo per l’Ambiente, gli Oceani e la Pesca, Virginijus Sinkevičius, e i Ministri dell’Ambiente, della Pesca e della Difesa di tutti i paesi intorno al Mar Baltico.

Questa petizione è gestita da Coalition Clean Baltic (CCB)

Testo della petizione

Invitiamo i Ministri dell’Ambiente, della Pesca e della Difesa di tutti i paesi intorno al Mar Baltico a seguire le raccomandazioni scientifiche e a lavorare insieme per proteggere la specie di cetaceo più a rischio in Europa - la focena del Baltico.

In particolare, esortiamo i paesi Baltici a:

  • Proteggere la focena del Baltico nelle aree marine protette (AMP) - Ad oggi, in molte di queste non sono previste adeguate misure di protezione contro le tecniche di pesca dannosa e l’inquinamento acustico sottomarino;
  • Porre fine alla pesca accidentale della focena in tutto il Mar Baltico - la morte di un singolo esemplare, infatti, può avere un effetto devastante sulla sopravvivenza di tutta la specie;
  • Indagare sulla possibile coesistenza tra misure di protezione della focena e le attività militari sottomarine - Le attività di conservazione della natura e quelle di difesa militare devono essere portate avanti in sinergia per proteggere la focena del Mar Baltico.

 

* Con pesca accidentale si intende la cattura involontaria di diverse specie marine nelle reti da pesca.

Perché è importante?

La focena del Mar Baltico, di cui molti nemmeno sanno dell’esistenza, rischia l’estinzione. Con sole poche centinaia di esemplari viventi, la focena del Baltico è in serio pericolo e ha urgente bisogno di misure protettive.

La più grave minaccia per la sua sopravvivenza è la cattura accidentale nelle reti da pesca. La cattura anche di un solo esemplare può avere infatti un effetto devastante su tutta la specie. Per impedire che questa specie in serio pericolo si estingua, la cattura accidentale deve essere ridotta, idealmente a zero. Questo può essere fatto tramite la chiusura di aree di pesca dove le focene vivono, e con l’uso di pinger, dispositivi acustici che avvertono le focene della presenza di reti. Questi apparecchi sono in grado di ridurre le catture accidentali fino all’80% e sono usate con successo a livello internazionale per evitare la cattura involontaria di cetacei. Ciò però non avviene come necessario nel Mar Baltico.

L’inquinamento acustico sottomarino rappresenta un’altra minaccia per le focene nel Mar Baltico. Un forte rumore causato dalle esplosioni o dalla costruzione, per esempio, di parchi eolici al largo, possono rendere sorda una focena, causando poi anche la sua morte. Un rumore meno intenso proveniente dai trasporti marittimi o dalle costruzioni può causare gravi disturbi del comportamento legati all’alimentazione o all’allattamento. L’inquinamento acustico sottomarino dovrebbe essere severamente limitato nelle aree marine protette, in modo che possano essere i rifugi sicuri di cui le focene hanno bisogno.

Firma questa petizione. Invita anche tu i Ministri Europei dell’Ambiente, della Pesca e della Difesa a salvare la focena nel Mar Baltico con misure protettive concrete ed urgenti! #SaveTheBalticPorpoise!

 

In partnership con:

Fase successiva - condividi

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui