4.252 di 5.000 firme

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione, Commissione europea, Consiglio europeo, Parlamento europeo

Questa petizione è gestita da Alexandra Geese, Membro del Parlamento Europeo, Verde/EFA

Testo della petizione

Chiediamo alla Commissione europea e al Consiglio europeo di rispettare l'articolo 23 della Carta europea dei diritti fondamentali. Si afferma che "la parità tra donne e uomini deve essere garantita in tutti i settori, compreso l'impiego, il lavoro e la retribuzione". Chiediamo che garantiscano che almeno la metà del Fondo per la ripresa e la ricostruzione sia spesa per l'occupazione e la promozione dei diritti delle donne, nonché per la parità tra i sessi. Ciò dovrebbe essere in linea con la strategia per l'uguaglianza di genere della Commissione europea adottata nel marzo 2020.
Chiediamo pertanto i seguenti punti:

  • Valutazione dell'impatto di genere e bilancio di genere per tutti i fondi spesi nell'ambito dello strumento per la ripresa economica e il contenimento dei costi
  • Investire nel lavoro di cura, nello sviluppo di servizi di assistenza all'infanzia e di scuole che consentano a tutti i genitori di mantenere un lavoro retribuito e un sano equilibrio di vita.
  • Sviluppare i servizi di assistenza dal punto di vista del ciclo di vita: un Care Deal for Europe e un progetto europeo sulle statistiche disaggregate per genere sul lavoro non retribuito e retribuito come base per un nuovo calcolo del PIL
  • obblighi per le aziende che ricevono aiuti o sovvenzioni statali nell'ambito del Recovery and Burden Sharing Scheme di documentare che questi fondi vanno a beneficio dei dipendenti di tutti i generi in egual misura; e in particolare di quelli con una bassa percentuale di dipendenti e dirigenti di sesso femminile di assumere e promuovere le donne a livello dirigenziale, rispettando le quote minime
  • Un fondo speciale per le imprese di proprietà delle donne

Perché è importante?

La crisi del coronavirus ha colpito duramente tutta l'Europa. Ma il suo impatto economico ha colpito le donne più duramente degli uomini. Mentre all'inizio della crisi il lavoro delle donne negli ospedali, nelle strutture per l'infanzia e nei supermercati è stato applaudito sui balconi e ringraziato pubblicamente, le donne sono ancora drammaticamente sottopagate e stanno perdendo il lavoro molto più velocemente degli uomini. Molti di loro lavorano in "settori orientati al cliente" - turismo, eventi, alberghi, ristoranti, commercio al dettaglio, varie forme di terapia e molti altri settori che sono stati particolarmente colpiti dalla crisi. Già a marzo il numero di donne che hanno perso il lavoro è quasi cinque volte superiore a quello degli uomini. Inoltre, le donne svolgono la maggior parte del lavoro non retribuito aggiuntivo causato da scuole chiuse, strutture di assistenza all'infanzia, familiari malati e mense chiuse. In Germania è stato calcolato che i genitori insegnano ai loro figli tre ore al giorno a casa.
Nell'82% dei casi, per "genitori" si intendono le madri.
 
A causa di questo carico di lavoro supplementare in casa, le donne non hanno quasi mai il tempo di partecipare al dibattito pubblico. Un articolo su Nature e alcuni primi studi sulla produzione accademica durante la sospensione del COVID mostrano che durante la crisi della corona, durante la sospensione del COVID, le donne accademiche hanno presentato alle riviste scientifiche solo la metà dei lavori di ricerca rispetto al 2019, mentre i loro colleghi maschi hanno aumentato la loro produzione. Le donne hanno meno tempo che mai per investire nella loro carriera - mentre l'aumento della disoccupazione lascia alle aziende un'ampia scelta di uomini. Ciò renderà ancora più difficile per le donne salire a livelli decisionali più elevati.
La crisi della Corona minaccia di diventare una crisi enorme per il reddito delle donne, il loro reddito di tutta la vita, le pensioni, la partecipazione generale e il potere nella società.  Ora è il momento di trasformare questo momento in un'opportunità per promuovere la parità tra i sessi.
Sosteniamo l'iniziativa franco-tedesca per il previsto fondo di ricostruzione dell'UE e le auguriamo un ampio sostegno.
La Commissione Europea e il Consiglio Europeo stanno sviluppando uno "Strumento per la ripresa e la resilienza", un piano di investimenti da 500 miliardi di euro per rilanciare e modernizzare l'economia, con una priorità sul cambiamento digitale e verde. Essa plasmerà il futuro dell'Europa.  Mentre la lotta al cambiamento climatico e l'avvio di un cambiamento verde e digitale è una priorità assoluta che condividiamo, è noto che il settore digitale ed energetico è dominato dagli uomini. Senza misure aggiuntive, questo strumento di sviluppo economico non fornirà posti di lavoro alle donne che li perdono, ma agli uomini. C'è il rischio che questo comporti una ridistribuzione dei posti di lavoro e dei redditi trasferiti dalle donne agli uomini, rendendolo uno strumento che aumenterà l'impoverimento delle donne e che sarà utilizzato dai contribuenti europei.
 
Prime firmatarie:

  • Prof. Dr. Jutta Allmendinger, Presidente del Centro di Ricerca di Scienze Sociali di Berlino
  • Prof. Dr. Rita Süssmuth, ex-presidente del Parlamento tedesco
  • Gwendoline Lefebvre, President, European Women’s Lobby
  • Frances Fitzgerald, Member of the European Parliament, PPE
  • Prof. Dr. Costanza Hermanin, College of Europe, John Cabot University
  • Laura Boldrini, Deputata della Repubblica, già presidente della Camera dei Deputati, PD
  • Valeria Fedeli, Senatrice della Repubblica, PD
  • Daniela Colombo, ex presidente delle associate storiche femministe di AIDOS
  • Valentina Parenti, Co-fondatrice Gamma Donna
  • Sven Giegold, Membro del Parlamento Europeo, Verdi/ALE
  • Luana Marmo, CEO e fondatrice di Design Digest
  • Monica Martinelli, Direttore editoriale Settenove /project editorial prevention discrimination, DWF
  • Elena Grandi, Co-Portavoce di Europa Verde
  • Darya Majidi, Membro della Facoltà di Singolarità dell'Università, comunità della Fondatrice Donne 4.0
  • Francesca Faedi, Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Monica B. M. Pontiroli, Program Manager Nazionale Prioritalia, Gruppo Donne Manager
  • Valentina Dolciotti, Fondatrice&Direttrice editoriale della rivista DiverCity
  • Stefania Anarkikka Spanò, Autore, L'Espresso Anarkikka
  • Maria Squarcione, Direttrice della Biblioteca Medica Universitaria La Sapienza Roma
  • Daniela Poggio, Responsabile Comunicazione Globale Angelini SPA, Ispiratrice di #Datecivoce
  • Marzia Camarda, Imprenditrice culturale
  • Giulia Varone, Imprenditrice
  • Gabriella Guido, Specialista Comunicazione AMREF Italia
  • Sereno Giusti, Ricercatore in Giurisprudenza, Liceo Sant'Anna
  • Rosella Muroni, Deputata della Repubblica
  • Lia Quartapelle, Deputata della Repubblica
  • Francesca Parviero, Progettista di esperienze di apprendimento digitale
  • Emanuela Giraldi, fondatrice di Pop Ai (Intelligenza artificiale popolare). Appassionata di Deep Tech & Spazio
  • Emma Amiconi, Presidente Fondazione per la cittadinanza attiva
  • Giovanna Badalassi, Economista, Ladinomica
  • Mariolina Coppola, Presidente di Soroptimist International d'Italia
  • Margarete Stokowski, autrice
  • Kübra Gümüşay, autrice, relatrice e attivista
  • Tijen Onaran, fondatrice di Global Digital Women
  • Almut Schnerring, promotore del Equal Care Day
  • Teresa Bücker, caporedattrice di "Edition F".
  • Alexandra Geese, Membro del Parlamento Europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Ana Sofia Fernandes, Presidente della piattaforma portoghese per i diritti delle donne
  • Franziska Brantner, Membro del Bundestag tedesco, Bündnis 90/Die Grünen
  • Evelyn Regner, Membro del Parlamento Europeo, Gruppo S&D
  • Terry Reintke, Membro del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Monika Vana, Membro del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Dr. Laura Sophie Dornheim, stratega digitale
  • Constanza Hermanin, politologa del College d'Europe e Università John Cabot di Roma
  • Prof. Dr. Aysel Yollu-Tok, vicedirettore dell'Harriet Taylor Mill Institute for Economics and Gender Studies presso l'HWR di Berlino
  • Marina Weisband, autrice, psicologa ed ex politica
  • Dr. Elisabeth Klatzer, economista, ricercatrice, attivista
  • Katja Dörner, Membro del Bundestag tedesco, Bündnis 90/Die Grünen
  • Robert Franken, attivista per il digitale e la diversità, ambasciatore HeForShe Germania, fondatore Male Feminist Europe
  • Fikri Anil Altintas, autore, ambasciatore HeForShe Germania
  • Kristina Lunz, fondatrice e direttrice del Centro per la politica estera femminista
  • Laura Gehlhaar, autrice, consulente e relatrice
  • Vincent Immanuel Herr, attivista, co-iniziatore di DiscoverEU e ambasciatore HeForShe Germania
  • Martin Speer, economista, Co-Iniziatore di DiscoverEU, HeForShe Ambassador Germany
  • Petra de Sutter, Membro del Parlamento europeo, Gruppo dei Verdi/ALE
  • Ulle Schauws, Membro del Bundestag tedesco, Bündnis 90/Die Grünen
  • Mona Neubaur, Presidente regionale di Bündnis 90/Die Grünen NRW
  • Prof. Dr. Jakob Kapeller, Professore di Socioeconomia con particolare focus all'Economia Plurale
  • Prof. Dr. Miriam Rehm, Professoressa Assistente di Socio-economia con particolare focus sulla Ricerca per la Disuguaglianza Empirica
  • Marion Boeker, Direttrice, Consulenza per i diritti umani e il genere
  • Dr. Lea Elsässer, Ricercatrice presso l'Istituto di Socio-Economia dell'Università di Duisburg-Essen
  • Dr. Alyssa Schneebaum, Vice-direttrice dell'Istituto di Economia Eterodossa dell'Università di Economia e Amministrazione Aziendale di Vienna
  • Fikri Anil Altintas, Giornalista, Attivista di HeForShe
  • Rasmus Andresen, Membro del Parlamento Europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Gwendoline Delbos-Corfield, Membro del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Maria Noichl, Membro del Parlamento Europeo, Gruppo S&D
  • Lisa Paus, Membro del Bundestag tedesco, Bündnis 90/Die Grünen
  • Kira Peter-Hansen, Membro del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Cornelia Ernst, Membro del Parlamento europeo, Gruppo GUE/UGL
  • Dimitrios Papadimoulis, Membro del Parlamento europeo, Gruppo GUE/UGL
  • Alviina Alametsä, Membro del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Josefine Paul, Membro del Parlamento del Land NRW, Bündnis 90/Die Grünen
  • Svenja Hense, Ricercatrice associata, Istituto di Scienze Politiche WWU Münster
  • Zita Herman, Consulente della commissione per i bilanci del PE per il Verdi/ALE
  • Alice Kuhnke, Membro del Parlamento Europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Francisco Guerreiro, Membro del Parlamento Europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Kim Van Sparrentak, Membro del Parlamento Europeo, Gruppo Verdi/ALE
  • Dr. Joy Alemazung, Engagement Global

 

Fase successiva - condividi

Grazie per aver firmato questa petizione! Se è la prima volta che partecipi ad una nostra iniziativa riceverai una mail che ti chiede di confermare il tuo indirizzo e-mail.

Ti va di condividere questa petizione con i tuoi amici e la tua famiglia?

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui