5.156 di 10.000 firme

Appello alla Commissione europea e agli Stati membri dell'UE

Questa petizione è gestita da deputati al Parlamento europeo Eleonora Evi, Anna Deparnay-Grunenberg, Francisco Guerreiro, Grace O'Sullivan, Marie Toussain, Sylwia Spurek, Thomas Waitz, Manuel Bompard, Michal Wiezik

Testo della petizione

Stanno abbattendo il nostro futuro - non possiamo restare a guardare e lasciare che ciò continui! Il disboscamento di grandi aree di foresta attraverso il taglio raso è ancora una pratica forestale comune e legale in molti paesi europei. Il taglio raso ha effetti drammatici sul clima e sull'ambiente e dovrebbe essere vietato! 

Il futuro delle nostre foreste è attualmente oggetto di dibattito nell'UE: pratiche forestali obsolete e distruttive minacciano di prendere il sopravvento sulla gestione sostenibile ed ecologica delle foreste. [1] Ecco perché dobbiamo agire immediatamente! Il taglio raso non deve avere posto nella politica forestale del futuro!

Perché i tagli rasi sono così distruttivi?

Il taglio raso comporta l'abbattimento sistematico di grandi aree di foresta in modo che non rimanga un solo albero. Le conseguenze sono un disastro dal punto di vista ecologico:

  • La rimozione su larga scala di tutti gli alberi fa morire anche l'enorme quantità di biomassa vivente nel suolo (radici, reti di funghi, insetti, microrganismi).
  • A causa della forte incidenza della luce e dell'uso frequente di macchinari pesanti per la raccolta, il suolo si asciuga e aumenta il rischio di erosione.
  • L'area forestale si trasforma così da un pozzo di assorbimento del carbonio a vero e proprio emettitore di CO2!

Per questo chiediamo ai decisori dell'UE: 

- di stabilire un divieto generale di tagli rasi nel quadro della strategia forestale dell'UE;

- classificare il taglio raso nel regolamento LULUCF come un cambiamento di uso del suolo da foresta a piantagione;

- di proibire la contabilizzazione di queste aree come pozzi di CO2;

 

 

 

Perché è importante?

Le decisioni vengono prese ORA per la politica forestale dell'UE fino al 2030!

Le foreste sono i nostri polmoni verdi - assorbono CO2, rilasciano ossigeno e puliscono l'aria. Sono anche i nostri reni, poiché ci forniscono acqua freatica pulita attraverso la loro funzione di filtraggio. Influenzano il microclima avendo un effetto di raffreddamento sulle regioni circostanti e, non da ultimo, ospitano innumerevoli specie.

Gli scienziati concordano sul fatto che per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi sul clima, le foreste devono essere protette e la superficie forestale totale in Europa deve essere aumentata. Nonostante ciò, la deforestazione in Europa è aumentata massicciamente negli ultimi anni e persino nelle aree protette vengono abbattuti ettari di foresta ogni giorno!

Quali sono le conseguenze a lungo termine del disboscamento? 

È chiarissimo: il disboscamento è un intervento drammatico e distruttivo nelle nostre foreste e alimenta la crisi climatica e l'estinzione delle specie. A breve termine, può sembrare una forma di gestione forestale economicamente attraente, ma di fronte alle crisi attuali, questa pratica è semplicemente irresponsabile. 

Dopo il disboscamento, la foresta naturale originale viene spesso sostituita da piantagioni a crescita rapida e povere di specie che hanno poco in comune con il complesso ecosistema della foresta e i suoi diversi servizi per gli esseri umani e la natura: 

  • Ci vogliono molti decenni perché gli alberi appena piantati ricrescano e assorbano quantità significative di CO2.
  • La distruzione delle foreste attraverso il disboscamento ha gravi effetti sulle condizioni climatiche locali: gli effetti di raffreddamento, la purificazione dell'aria, lo stoccaggio dell'acqua e la ricarica delle acque sotterranee sono disturbati.
  • La vitalità del suolo è compromessa a lungo termine. 
  • Le foreste appena piantate sono spesso monocolture e non offrono più la stessa qualità come habitat per la biodiversità.

Quale sarebbe l'impatto di un divieto della pratica del taglio raso?

  • Il modello commerciale di conversione delle foreste naturali in piantagioni verrebbe privato delle sue basi. 
  • Invece, forme più naturali di gestione delle foreste acquisterebbero importanza e potrebbero creare nuovi posti di lavoro.
  • Le ultime foreste primordiali e naturali d'Europa potrebbero essere protette più efficacemente dal disboscamento illegale utilizzando le immagini satellitari.

Per favore, usa la tua voce per fermare la distruzione delle foreste europee con il taglio raso e salvare il clima! 

 

[1] Venerdì 23 luglio, una frase del testo della petizione è stata cambiata, poiché la nuova strategia forestale dell'UE è già stata pubblicata. Tuttavia, molti altri cambiamenti possono ancora essere raggiunti attraverso i processi legislativi dell'UE. La frase "A metà luglio, la Commissione europea presenterà la nuova strategia forestale dell'Unione europea (UE), che determinerà la forma della politica forestale dell'UE entro il 2030" è stata sostituita dalla frase "Il futuro delle nostre foreste è attualmente oggetto di dibattito nell'UE: pratiche forestali obsolete e distruttive minacciano di prendere il sopravvento sulla gestione sostenibile ed ecologica delle foreste".

Fase successiva - condividi

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui